POPOLI. Arriva l’ordinanza di cattura per il cervo che da giorni si aggira tra le case di Popoli, in particolare nella zona Peep 1, dove vivono circa 500 famiglie. Il sindaco Dino Santoro ha infatti firmato il provvedimento, motivando la decisione «per la salvaguardia e la sicurezza della salute dei cittadini, ma anche per l’incolumità del cervo stesso che, nell’ultima occasione, è stato avvicinato e aggredito da un cane».
La cattura sarà effettuata con azione sinergica di polizia Municipale e carabinieri forestali, con l’ausilio del servizio veterinario Asl che provvederà con i propri mezzi a narcotizzare il cervo, per poi procedere al trasferimento nel locale Centro per il recupero degli animali selvatici in località Impianezza, gestito dal reparto Biodiversità dei carabinieri forestali.
Nel provvedimento si legge che la cattura si rende necessaria in quanto la presenza del cervo «provoca in alcune persone panico e potrebbe dare origine ad autonome iniziative, anche illegali, da parte dei privati». Inoltre, alcuni cittadini, incuriositi dall’animale, si avvicinano pericolosamente al cervo. E la frequenza degli avvistamenti in orario notturno e diurno, secondo il primo cittadino, «costituisce fonte di pericolo attuale e concreto per la sicurezza e l’incolumità di persone e cose».
Incursioni che vanno avanti da diversi giorni, tanto che la settimana scorsa c’è stato anche chi, tra le case della zona Peep 1, si è avvicinato scattando selfie e girando video. Anche in quella circostanza la presenza dell’animale era stata subito segnalata al Comune e ai carabinieri forestali. E proprio in quell’occasione, era stato lo stesso sindaco a raccomandarsi alla popolazione di non dargli da mangiare, raccomandandosi del fatto che, pur apparendo un animale socievole e mansueto, non è escluso che il cervo potesse rappresentare un pericolo per la popolazione. E ieri è arrivato l’ordine di cattura per riportare l’animale nel suo proprio ambiente naturale.