MONTESILVANO. «L’opposizione ha perso l’ennesima occasione per tacere ed evitare di fare brutta figura». È secco il commento dell’assessore alle Politiche giovanili Alessandro Pompei in merito alle polemiche sollevate dalla minoranza contro il progetto “Attra-Versi”. Dopo la presa di posizione di Pd e M5S, che nei giorni scorsi hanno scritto una lettera al Prefetto puntando il dito contro le frasi sulle strisce pedonali della città, l’assessore conferma la regolarità dell’iniziativa promossa dall’imprenditore immobiliare Alessio Sarra e accolta dal Comune di Montesilvano. «Polemizzare su un intervento a costo zero per l’ente», commenta, «che mira a infondere ottimismo e positività nella popolazione e che sta rimbalzando agli onori della cronaca, facendo parlare di Montesilvano su testate e televisioni nazionali, è veramente da amministratori miopi e tristi».
Passando alla presunta pericolosità dell’iniziativa, lamentata dai consiglieri dem Romina Di Costanzo, Antonio Saccone e Enzo Fidanza e dai pentastellati Gianni Buccini e Gabriele Straccini, Pompei chiarisce: «Nella delibera di giunta con cui è stato autorizzato l’intervento compare il parere del comando di polizia locale con tutti i riferimenti di legge, tra cui l’articolo 3 del codice della strada secondo cui è possibile intervenire nella prima striscia di attraversamento che insiste sulla banchina perché è la parte di strada non destinata alla circolazione, quindi esterna alla corsia. La minoranza, quindi, dimostra di essere anche poco informata citando un articolo di il numero 40, che nulla ha a che vedere con questo progetto che sta già riscontrando l’interesse di altri comuni italiani, oltre che di tanti giovani sui social». (a. l.)