SANT’OMERO. Che fine hanno fatto i 13 posti letto di lungodegenza nel presidio ospedaliero “Val Vibrata” di Sant’Omero? Se lo chiede il vice capogruppo del Pd in Regione, Dino Pepe, che ricorda come la programmazione dei posti letto fatta dalla precedente giunta regionale, di cui era assessore, a distanza di quattro anni non abbia visto la luce nonostante le promesse dell’assessorato alla sanità della giunta Marsilio. Nel 2019, Pepe presentò una interpellanza specifica e venne promessa l’attivazione della lungodegenza al Val Vibrata di Sant’Omero, prevista nei locali situati al terzo piano ma che, a distanza di tempo, tarda ad essere attivata. «Dopo quattro anni abbiamo visto il nulla, il blocco di un progetto pur programmato. Siamo a fine legislatura e il reparto non viene attivato», dice Dino Pepe che ricorda come nel piano di riordino della rete ospedaliera della Regione Abruzzo fosse prevista per il “Val Vibrata” di Sant’Omero, tra le altre cose, proprio l’istituzione dei 13 posti letto di lungodegenza finora mai attivati. Secondo l’ex assessore regionale del Pd si continua a promettere e non a fare lasciando senza risposta il territorio della Val Vibrata. (a.d.p.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA .