TERAMO. I gruppi di maggioranza al Comune di Teramo sottolineano in una nota l’importanza del piano economico finanziario (Pef) della Tari approvato martedì in consiglio, il primo Pef successivo alla trasformazione della Team in società in house. «Un piano», evidenzia la maggioranza, «che nonostante il caro bollette ha un costo complessivo di 10.359.000, il più basso degli ultimi dieci anni, e che grazie alle risorse messe in campo dall’amministrazione prevede una diminuzione della tariffa per tutte le utenze e una riduzione ancora maggiore per le frazioni, le prime a sperimentare le ecoisole. Un Pef che ci riempie di orgoglio e che nasce da un’attività di programmazione e visione che in passato è mancata. Programmazione e visione che hanno portato questa amministrazione a concretizzare un percorso di risanamento, rilancio e valorizzazione della Teramo Ambiente, che oggi è totalmente pubblica, andando incontro alle esigenze dei cittadini. E così, mentre tutto il resto sta aumentando – dalle bollette del gas a quelle della luce, ai prezzi delle materie prime – i teramani riceveranno bollette Tari più leggere. Questo Pef si inserisce dunque in quel percorso di riduzione dei costi da un lato, e di investimenti dall’altro, che stanno trasformando la Teramo Ambiente in una società multiservizi, pronta a mettersi a disposizione di tutta la provincia e non solo. In quest’ambito va proprio il recente accordo quadro con il Mote, con l’obiettivo di attuare nuove sinergie operative e avviare processi condivisi di riorganizzazione aziendale delle due società. Il faro di questa amministrazione», conclude la nota, «è quello di rendere la Team una società sempre più moderna ed efficiente».