SULMONA. Dopo nove anni si apre il processo per la morte di Eghair Abderrazak. Nel 2014 l’operaio stava andando al lavoro con un collega a bordo dell’autocarro di proprietà della ditta per la quale lavorava, carico di materiale edile, quando, percorrendo una discesa ripida tra Goriano Sicoli e Raiano, il mezzo finì fuori strada. Ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale di Ancona, morì a distanza di due anni dall’incidente.
La triste vicenda è finita, martedì scorso, davanti al giudice monocratico del Tribunale di Sulmona, Francesca Pinacchio, che ha formalmente aperto il procedimento penale per omicidio colposo per i fatti di quel 5 settembre 2014, quando Abderrazak stava operando per una ditta impegnata nella ricostruzione post-sisma a Castelvecchio Subequo. Il decesso si verificò nel 2016. Sul banco degli imputati tre persone: Salah Essahili, conducente del mezzo nonché dipendente della stessa ditta, Katiuscia Pezzullo, 35 anni di Pesaro, amministratore unico e proprietaria del furgone, e il pescarese Luciano Di Paolo, 64 anni, responsabile del servizio di prevenzione e protezione della società. Secondo l’accusa il conducente avrebbe percorso la provinciale su un tratto caratterizzato da una pendenza pari al 13 per cento e con sovraccarico superiore al consentito di almeno 2.500 chili. Lo stesso non sarebbe riuscito a completare correttamente una curva e ad effettuare le manovre richieste in condizioni di sicurezza a causa del surriscaldamento dei freni. Finito fuori strada, il veicolo si ribaltò più volte. All’amministratore unico la procura ha contestato di non aver fornito adeguata formazione e informazione sulle normative di sicurezza e sulle misure di prevenzione e protezione. Mentre il responsabile dell’apposito servizio, sempre secondo l’imputazione, non avrebbe provveduto all’individuazione dei fattori di rischio e non avrebbe proposto programmi di formazione e informazione.
Nell’udienza di martedì sono stati ascoltati il militare che si occupò delle indagini, il medico legale e il perito. La prossima udienza si terrà nel mese di giugno.
©RIPRODUZIONE RISERVATA