PESCARA. È in programma sabato alle 9 la seconda edizione della manifestazione “Nuotata Città di Pescara”, organizzata dalla Asd Pescara Open Water in collaborazione con il Comune di Pescara. L’iniziativa prevede una nuotata in mare non competitiva su due distanze, di 1,9 km e di 3,8 km.
Si tratta della sesta tappa del circuito adriatico “Acque Libere”, che si svolge sulle coste dell’Adriatico (Abruzzo, Marche, Puglia): ciò significa nuoto per tutti, secondo le capacità di ognuno. «Per il mio assessorato», ha detto ieri in conferenza stampa l’assessore alle Politiche per la disabilità Nicoletta Di Nisio, «l’aspetto più importante è quello rivolto agli atleti disabili che non saranno solo abruzzesi». Alla conferenza stampa di presentazione, ieri, sono intervenuti Raffaella Cordisco, presidente della Asd Pescara Open Water; Giustino Lotti, presidente dell’Asd Effegiquadro (nuoto paralimpico); Vincenzo Olivieri, direttore del Museo del Mare e presidente del Centro di recupero tartarughe marine; Luca Palma, vicepresidente Fidas Pescara e Alberto Carulli della Uisp Pescara. L’assessore allo Sport Patrizia Martelli ha parlato «di una grande opportunità anche per tutti coloro che assisteranno a una manifestazione che esprime al meglio il valore aggregativo dello sport».
La punzonatura degli atleti avverrà al lido “Panta rei” dalle 7,30 di sabato. La partenza e l’arrivo della nuotata si svolgeranno dalla spiaggia libera antistante la “Nave” di Cascella. Saranno premiati i primi 3 uomini e le prime 3 donne per la nuotata di 1,9 Km e per quella di 3,8 Km. Premio speciale all’atleta più giovane, intitolato alla memoria di Andrea Iannetti, recentemente scomparso. Sono attesi 150 partecipanti anche da fuori regione. Parte del ricavato sarà devoluto per finalità sociali/ambientali ad associazioni sul territorio.