ROSETO. Un nuovo parcheggio da circa 150 posti a nord di Roseto per sopperire alla carenza di posti auto nella stagione estiva. È l’area all’incrocio tra viale Makarska e la strada a nord dell’ex Hotel Mion, di proprietà della famiglia Barba, con la quale l’amministrazione ha trovato un accordo per la sua concessione in comodato d’uso gratuito. «La nuova area aprirà la prossima settimana, tra il 18 e il 20 giugno», precisa l’assessore all’urbanistica Gianni Mazzocchetti, che ha pensato a questo spazio e poi ha condiviso la sua idea con la maggioranza, «e resterà a disposizione fino al 30 settembre».
Oltre a quest’area, l’amministrazione ha rinnovato i contratti di comodato d’uso gratuito per altri tre grandi spazi sul territorio, ovvero il parcheggio di fronte alla ex Teleco (dove sorgerà un supermercato Conad) e due aree a Cologna Spiaggia, la “Iris-Spinelli” nei pressi della rotonda sud del lungomare e la “Sciarretta”, vicino al lido Lo Squalo. «Ringraziamo i privati che hanno accolto la nostra proposta mettendo a disposizione aree strategiche per consentire la sosta delle automobili», affermano il sindaco Mario Nugnes e l’assessore Mazzocchetti, «grazie a questi accordi andiamo a mitigare un grave problema ereditato e per il quale ci siamo messi a lavorare dal primo giorno. Abbiamo individuato in particolare questa nuova area a nord, fondamentale, e rinnovato i contratti per le altre aree già a disposizione lo scorso anno. Tutte queste aree, a luglio e agosto, saranno anche servite da un bus navetta che permetterà il collegamento veloce con il centro della città. Nelle stesse verranno individuati anche i punti di noleggio riservati ai monopattini che, una volta affidato il servizio, potranno essere utilizzati da chi lascerà l’auto nei parcheggi».
A sud invece l’amministrazione aveva già individuato un mese fa l’area di piazza Marco Polo, di proprietà comunale, che può contenere circa 500 auto. Sul lungomare nord ci sarebbe anche la grande area Castelli, vasta zona di circa due ettari di proprietà della famiglia Castelli al 90 per cento e della famiglia Iovinelli per il 10 per cento, che per anni è stata concessa al Comune gratuitamente nei mesi estivi. Nelle ultime due stagioni però i proprietari hanno deciso di chiudere l’area con il nastro bianco e rosso creando solchi nel terreno: c’è infatti un progetto che prevede sul terreno la costruzione di una struttura ricettiva, o abitativa, e la realizzazione di un parcheggio asfaltato a uso pubblico di circa 200 posti auto con illuminazione, ma la precedente amministrazione non lo ha mai approvato. L’attuale amministrazione vorrebbe riaprire anche quell’area e sta trattando con i proprietari.
©RIPRODUZIONE RISERVATA