AVEZZANO. Le note sono state le loro ali della libertà, per un giorno, grazie al concerto tenuto dalla banda “I leoncini d’Abruzzo” di Pescina. Un giorno speciale per i detenuti del carcere San Nicola di Avezzano in occasione della Festa della musica, tornata dopo i tre anni di assenza imposti dalla pandemia.
“I leoncini d’Abruzzo”, autentica istituzione musicale marsicana, hanno sprigionato tutta la loro energia, ondeggiando tra ritmi tradizionali e moderni, passando per celebri colonne sonore di film e concludendo la loro esibizione con l’Inno di Mameli.
Una esibizione che ha riscosso successo e tanti applausi. Presenti all’evento la direttrice della casa circondariale a custodia attenuata di Avezzano, Maria Celeste D’Orazio, il vice comandante Giovanni Luccitti e il funzionario giuridico pedagogico Sabrina Paris. La direzione dell’istituto penitenziario ha voluto ringraziare il presidente della banda, Antonio Botticchio, il maestro Nicolino Rosati e tutti gli artisti che hanno partecipato alla Festa della musica.