TERAMO. Dopo la pensione era tornato nella sua amatissima Sicilia ed è qui che è venuto a mancare. Nella tarda serata di sabato è morto all’ospedale Garibaldi di Catania, dove era ricoverato da qualche tempo, il luogotenente dei carabinieri Carlo Guarnaccia. Aveva 62 anni e da due era andato in pensione dopo una lunga carriera nell’Arma svolta tra la Sicilia, la Campania e l’Abruzzo. Nel Teramano ha guidato le stazioni di Pineto, Roseto degli Abruzzi, Montorio al Vomano e per ultima quella di Silvi Marina. In Sicilia quelle di Lampedusa e Agrigento. «I colleghi», si legge in una nota dell’Arma, «lo ricordano anche come un abile investigatore avendo svolto servizio nel reparto operativo antidroga di Palermo e nei nuclei Investigativi di Catania, Pescara e Teramo e non per ultimo nel nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Randazzo in provincia di Catania». Il luogotenente Guarnaccia lascia le tre figlie Maria, Piera e Agata.
Il rito funebre sarà celebrato oggi nella cittadina siciliana di Mascalucia dove era tornato a vivere dopo la pensione.