CASTEL DI SANGRO. Garantito il posto di lavoro per i cinque addetti alla mensa dell’ospedale di Castel di Sangro, nonostante il cambio di appalto tra ditte fornitrici. Lo dice l’Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, continuando: «Con una tempistica programmata l’Asl, in vista della scadenza del contratto con la società Vivenda, fissata il 31 luglio prossimo, ha individuato due nuove ditte per garantire la prosecuzione del servizio vitto all’interno dell’ospedale. Nella preparazione dei pasti le ditte subentranti, Orienta e Siai, dal primo agosto prossimo, impiegheranno insieme i 5 dipendenti già in servizio alla Vivenda, che sono stati riassorbiti nell’ambito dei contratti ancora in corso, consentendo così ai lavoratori di conservare il posto di lavoro». Poi ancora: «L’attività della mensa, a beneficio dei degenti del presidio di Castel di Sangro continuerà a essere garantita con qualità e accuratezza, grazie agli atti propedeutici all’internalizzazione del servizio adottati dalla direzione Asl».