PENNE – I carabinieri della locale Compagnia hanno tratto in arresto in flagranza di reato un giovane di 32 anni che, sottoposto agli arresti domiciliari presso una comunità del comune di Loreto Aprutino, è stato sorpreso nei pressi di un bar della località vestina. Alla vista dei militari, il ragazzo non ha opposto resistenza ed ha candidamente ammesso di essere fuggito dal luogo di detenzione con l’intenzione di non fare più rientro. “Meglio il carcere, che la comunità”, avrebbe detto ai militari.

In realtà, a prescindere dalla bizzarra richiesta del ragazzo, i carabinieri hanno verificato che la misura cautelare degli arresti domiciliari, oltre a non prevedere in alcun modo l’allontanamento dalla comunità senza l’autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria, era stata applicata per reati particolarmente delicati: lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale e, soprattutto, reiterati maltrattamenti in famiglia. L’arrestato, assolte le formalità previste dalla legge, è stato effettivamente condotto presso la Casa Circondariale di Pescara, in attesa del giudizio di convalida.