MARTINSICURO. Così come avvenuto nella scorsa stagione estiva, riesplode la polemica per la mancanza delle rastrelliere per il parcheggio delle biciclette sul lungomare Europa di Martinsicuro. In molti si lamentano non sapendo dove parcheggiare le bici e soprattutto dove ancorarle, visto che in questo periodo i furti di biciclette sono aumentati fortemente nella cittadina. Chiedono il posizionamento delle rastrelliere, promesse dagli amministratori lo scorso anno ma che ancora non sono state posizionate. La conseguenza è che tanti ancorano le bici alla ringhiera in acciaio della pista pedonale del nuovo tratto di lungomare centrale. E allora esplode la polemica sui social di chi si lamenta che ciò deturpa la nuova pista e rovina la ringhiera. Altrettanti chiedono come è possibile che una cittadina balneare non sia dotata di strutture per il posizionamento delle biciclette visto che ha una bella e lunga “Bike to Coast”.
«Purtroppo non abbiamo fatto in tempo a posizionare le rastrelliere che avevamo promesso lo scorso anno», le parole del sindaco Massimo Vagnoni, «ne avevamo fatta realizzare una da un artigiano locale ma l’inciviltà delle persone ha portato subito alla sua distruzione. Confermo che il progetto di posizionare le rastrelliere nella zona centrale del lungomare rimane ma ci sono problemi a farle realizzare con materiali più robusti in modo che durino nel tempo». Secondo le intenzioni degli amministratori dovrebbero essere rimossi alcuni stalli di parcheggio per auto nel tratto di lungomare interessato in modo da inserire rastrelliere per una cinquantina di bici.
Nel luglio dello scorso anno il sindaco emanò un’apposita ordinanza che vietava la sosta dei velocipedi sulla corsia pedonale tra via dei Pioppi e rotonda Las Palmas, con contestuale divieto di ancoraggio e appoggio alla ringhiera di protezione. Ordinanza che sembra il sindaco emanerà a breve anche per questa stagione balneare, con relative sanzioni e sequestro del mezzo.
©RIPRODUZIONE RISERVATA