MARTINSICURO. «Tratti di spiaggia libera espropriati ai cittadini e dati ai concessionari balneari». Questa la protesta che serpeggia tra i cittadini a proposito dell’ordinanza del Comune di Martinsicuro che ha assegnato ulteriori tratti di arenile ad alcuni concessionari che operano in zone dove è ancora forte il fenomeno erosivo. Un malumore dettato dal fatto che la spiaggia a disposizione di tutti diminuisce sempre di più.
«L’ordinanza», scrive in una nota L.R., «oltre che essere pubblica è chiara, ma sembra che anche chi non ha avuto riconosciuto l’ampliamento del tratto di spiaggia se lo sia comunque preso senza alcun diritto. Da ciò si verifica un grave danno per i turisti e i residenti e anche per coloro che hanno investito nella cittadina acquistando appartamenti estivi. Non ci sono tratti di spiaggia libera, ogni anno ci si arroga il diritto di espandersi senza permesso. Tra qualche anno dove andranno i miei figli al mare? Bisogna fare chiarezza e risolvere il problema perché ogni anno si presentano gli stessi problemi e nonostante le segnalazioni negli anni passati da parte di diversi cittadini il problema è sempre più peggiorato».
La delibera in oggetto riguarda l’assegnazione di ulteriori tratti, fronte mare, a compensazione delle zone erose e non interessate, al momento, da operazioni di ripascimento. Si tratta evidentemente di un palliativo e un operatore turistico che vuole restare anonimo della zona sud di Villa Rosa, ancora fortemente colpita dall’erosione, lo conferma dicendo: «Sono anni che protesto, non si può fare turismo balneare senza arenile. Attualmente posso utilizzare una sola fila di ombrelloni, circa 15, con 70 camere a disposizione dei turisti: la poca sabbia del ripascimento è già scomparsa, inghiottita dal mare. Non voglio più spazio lineare per posizionare le attrezzature ma che il problema si risolva in maniera definitiva. Da 30 anni gestisco l’albergo, ogni anno i problemi aumentano e mi devo subire le proteste dei turisti. Forse la cosa migliore è chiudere».
Sandro Di Stanislao
©RIPRODUZIONE RISERVATA.