VASTO. Piange e si dispera e manifesta intenti suicidi Ferdinando De Rosa, 37 anni, l’uomo che domenica, uscito dal carcere di Lanciano con un permesso premio, ha raggiunto i familiari e al culmine di una discussione ha picchiato selvaggiamente la madre.
La donna ha il volto tumefatto e una profonda ferita suturata con 11 punti. Tornato nella sua cella del carcere di Lanciano, De Rosa si è reso conto della gravità del suo gesto e chiede perdono. Il compito del difensore, l’avvocato, Raffaele Giacomucci, non si presenta facile. Il detenuto risponderà delle nuove accuse di maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate e inosservanza delle disposizioni del magistrato di sorveglianza, nel corso di un nuovo processo che si terrà a suo carico. Difficilmente uscirà dal carcere a breve. Al momento si ignora il motivo che ha scatenato la furia dell’aggressore. Pare fosse arrabbiato con un altro congiunto.
L’uomo ripete che non voleva far del male alla madre, ma i fatti raccontano il contrario e contro di lui c’è il referto dei medici del pronto soccorso del San Pio. Ha colpito l’anziana donna con violenza, dando in escandescenze e spaventando anche i vicini di casa. (p.c.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA .