L’AQUILA. Restano sospese fino a oggi le attività didattiche per i bimbi del nido e dell’infanzia della scuola “Primo maggio” teatro, mercoledì scorso, di una tragedia che ha causato la morte di un bimbo di 4 anni e il ferimento di altri cinque piccoli di età compresa tra 3 e 5 anni. È quanto stabilito dall’ultima ordinanza emessa dal Comune dell’Aquila. I piccoli termineranno l’anno scolastico in altre strutture, i giorni di sospensione delle lezioni si sono resi necessari per il trasloco degli arredi e del materiale didattico.
I bambini dell’asilo nido da 0 a 3 anni termineranno le attività didattiche nel modulo ad uso scolastico provvisorio che in passato ha ospitato l’asilo nido “Il Viale” in via Ficara. Tecnici e operai del Comune stanno procedendo al trasloco dei mobili e di tutti i materiali utilizzati per lo svolgimento delle lezioni e, contestualmente, sono in corso le operazioni di igienizzazione e verifica delle utenze della struttura situata nei pressi dell’ospedale San Salvatore.
Gli alunni della scuola dell’infanzia tra i 3 e i 6 anni saranno trasferiti in un altro plesso dell’istituto comprensivo “Mazzini”.
La decisione di dislocare quanti frequentano il plesso in via Salaria Antica Est in altri siti, con il parere positivo della Procura che ha posto sotto sequestro l’area dell’incidente, è stata adottata affinché da qui alla fine di giugno i bimbi e le insegnanti possano concludere il percorso formativo e didattico in un luogo che non richiami quotidianamente a una tragedia collettiva. Nelle ore successive al dramma l’Ordine degli psicologi d’Abruzzo e l’associazione vittime incidenti stradali che erano messi a disposizione per fornire supporto psicologico. (f.d.m.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.