VASTO. Via Adriatica, una delle zone più panoramiche della città, diventa largo padre Settimio Zimarino, il celebre compositore nato a Casalbordino l’8 gennaio 1885. La nuova intitolazione è avvenuta ieri alla presenza della nipote del francescano, la professoressa Maddalena Anna Zimarino e della sua famiglia, del sindaco Francesco Menna e dell’assessore alla cultura Nicola Della Gatta. A benedire la targa è stato il parroco della cattedrale San Giuseppe, don Gianfranco Travaglini. «Padre Settimio Zimarino è stato non solo un francescano autentico, ma soprattutto uno dei maggiori compositori abruzzesi», commenta il sindaco Menna, «ha saputo divulgare la passione per la musica in tempi in cui miseria e privazioni rendevano l’arte lontana dalla quotidianità della popolazione». Don Gianfranco Travaglini ha espresso parole di compiacimento per la scelta di intitolare a padre Zimarino un’area della città storicamente legata al francescanesimo. «Fu tra i primi a comprendere la funzione performante della musica per i giovani», dichiara l’assessore Della Gatta, «seppe svolgere una funzione pedagogica di rilievo mantenendo fede ai caratteri di umiltà e povertà propri del francescanesimo». (a.b.)