TORTORETO. «La destra italiana prima ha alimentato la rabbia e i conflitti sociali durante la pandemia, soffiando sul fuoco delle proteste, e poi ha provato a far dimenticare le proprie gravi responsabilità. Sempre divisa tra chi è al governo e tra chi è all’opposizione, anche in Abruzzo sono al tutti contro tutti. Nella guerriglia quotidiana tra Fdi e Lega in Regione il danno quotidiano viene fatto agli abruzzesi. Ai cittadini abruzzesi chiediamo di riprendere in mano il proprio destino. Votando i sindaci di centrosinistra si vota per un’idea moderna, giusta ed europea di ricostruzione delle città. Chi vota sindaci di destra vota contro il Pnrr e contro l’Italia». Così Francesco Boccia, deputato e responsabile Regioni e Enti locali della segreteria nazionale del Pd, intervenendo ieri a Tortoreto a un’iniziativa in sostegno della candidata sindaca Libera D’Amelio.
Intanto l’annuncio ufficiale di Italia Viva del sostegno alla lista del sindaco uscente Domenico Piccioni scatena la Lega. Il coordinatore del Carroccio tortoretano Franco Cartone afferma che l’appoggio «è frutto di un accordo politico provinciale. Siamo esterrefatti del continuo silenzio di Forza Italia e Fratelli d’Italia. Il sindaco uscente dovrebbe chiarire se il ruolo di vice sindaco o un’altra delega importante come il turismo sarà assegnato a Italia Viva. Noi siamo coerenti con una visione di città di centrodestra e facciamo un appello agli elettori di Forza Italia e Fratelli d’Italia affinché sostengano una lista e una candidatura a sindaco (quella di Nico Carusi, ndc) trasparente e che non fa accordi con la sinistra».