GIULIANOVA. Il tifo giallorosso si è riacceso e sembra di essere tornati indietro negli anni, alle decisive partite-promozione in D e in C. La tifoseria giuliese, alla vigilia della finale dei playoff con L’Aquila che si gioca oggi a Pescara, è davvero carica. I mille biglietti messi a disposizione sono andati quasi esauriti e i supporters si sono mobilitati organizzandosi per gruppi per affrontare la trasferta in campo neutro di Pescara. Chi non sarà della partita è uno storico tifoso, Danilo Lamolinara, che soffrirà a casa. E spiega: «Avevo dato la parola a me stesso che sarei rimasto lontano dagli spalti per l’intera durata del torneo. Non mi è piaciuto come si sono chiusi i rapporti con la gestione Bartolini. Rimarrò a casa con l’apparecchio della pressione al braccio: il mio affetto verso la squadra è rimasto identico, anzi si è forse consolidato nella lontananza. Sento il dovere, da cittadino giuliese e da tifoso, di ringraziare il presidente Alessandro Mucciconi per aver mantenuto i colori giallorossi e per aver imposto un tocco di signorilità all’ambiente. Sono stato tentato di recarmi a Pescara per far sentire anche la mia voce, ma sarei stato accusato di salire sul carro del vincitore. Atteggiamento molto lontano dal mio modo di essere».
A commuoversi ieri mattina è stato il presidente Mucciconi, che durante la rifinitura al Fadini ha assistito a uno spettacolo fuori programma con i tifosi della curva accorsi a sostenere con cori e fumogeni i loro giovani beniamini. Afferma il presidente: «Il nostro campionato lo abbiamo già vinto e la soddisfazione dell’intera società è grande. Abbiamo una squadra con una media d’età al di sotto dei 20 anni. Alla vigilia non credevamo di poter raggiungere certi traguardi. Anche perché, bisogna ricordarlo, in Eccellenza siamo stati quelli che sono riusciti a spendere meno. Questo non solo ci fa onore, ma certifica che la politica giovanile che abbiamo intrapreso è stata azzeccata. A favorire ciò ha contribuito tantissimo l’assunzione del tecnico Luciano Cerasi, anche lui giuliese, per tanto tempo responsabile delle giovanili dell’Ascoli. Sinceramente devo ammettere che nel giro di appena un anno abbiamo incassato soddisfazioni impensabili nell’estate del 2021. Di ciò siamo tutti orgogliosi».
Alfonso Aloisi
©RIPRODUZIONE RISERVATA .