GIULIANOVA. «È un punto che non è da buttare, non c’è rammarico. Il Pontevomano è una squadra valida che ha messo in difficoltà tutti. Ripartiamo dall’atteggiamento che abbiamo avuto in campo sabato». A dirlo è Federico Di Paolo, mediano del Giulianova rimasto in campo per tutti i 90 minuti sabato nella difficile gara terminata 0-0 a Castelnuovo contro il Pontevomano, che dopo aver fermato la corazzata L’Aquila nella domenica precedente ha fatto lo stesso con i giallorossi. Aquilani e giuliesi, dunque, sono tornati a condividere la vetta dell’Eccellenza abruzzese.
«La partita è stata difficile ma lo sapevamo già», prosegue Di Paolo, «loro ti lasciano pochissimi spazi e infatti così è stato. Abbiamo fatto anche fatica nel cercare Bracciatelli tra le linee. Ma a livello di atteggiamento non abbiamo sbagliato niente, è stata una partita tosta». Per i ragazzi del tecnico Luciano Cerasi non si tratta dunque di due punti buttati, nonostante la volontà espressa ogni domenica di scendere in campo e vincere per consolidare il primato in classifica in questa lunga rincorsa alla serie D. Quella di Castelnuovo è comunque la seconda gara stagionale in campionato a secco di gol per il Giulianova. La prima era stata quella persa in casa 0-1 contro il Sulmona. «Lì potevamo fare sicuramente di più», ricorda Di Paolo, «invece sabato siamo stati bravi anche a soffrire nel primo tempo e nel secondo non abbiamo lasciato mai campo al Pontevomano. Abbiamo affrontato la partita nel modo giusto».
Ed è proprio dall’atteggiamento visto nel corso della gara di sabato che i giallorossi vorranno ripartire: domenica affronteranno al Fadini il Castelnuovo, mentre mercoledì 30 ci sarà il ritorno della semifinale di Coppa Italia contro il Sambuceto. Sulle prossime gare Di Paolo è chiaro: «Intanto pensiamo alla partita contro il Castelnuovo e poi alla semifinale di Coppa, dove l’obiettivo è quello di andare avanti». E sul match di domenica prossima avverte: «Ormai difficilmente le squadre vengono a fare la partita in casa nostra, quindi sarà una partita tosta. Dovremo avere pazienza e sfruttare le occasioni che ci capiteranno».
©RIPRODUZIONE RISERVATA