FRANCAVILLA. Tra i numerosi spunti offerti dal consiglio comunale di Francavilla, previsto per questo pomeriggio alle 15.30, assume particolare interesse l’interpellanza presentata dal consigliere di minoranza Roberto Angelucci, che fa riferimento ai problemi derivanti dal transito sul territorio dei mezzi pesanti. L’iniziativa, protocollata già qualche settimana fa, assume rilievo soprattutto alla luce di quanto accaduto mercoledì scorso, con il crollo di una parte della parete della galleria San Silvestro, la conseguente chiusura del tunnel (finito poi sotto sequestro) e le inevitabili ripercussioni sulla circolazione. «Oggi Francavilla è tornata 15 anni indietro, quando la variante ancora non c’era e la circolazione spesso e volentieri andava in tilt», spiega Angelucci. «Il mio intervento è volto a spingere l’amministrazione a chiedere all’Anas il completamento della variante che secondo il progetto originario doveva arrivare fino a Lido Riccio, non con una, ma con due canne, così da evitare anche il doppio senso di marcia», prosegue Angelucci, che da sindaco presenziò all’inaugurazione dell’infrastruttura.
«Ho parlato con il sindaco Luisa Russo per sensibilizzare verso l’ordinanza che vieta il transito dei mezzi pesanti sul territorio ora che la variante è chiusa. Adesso bisogna lavorare per arrivare nel minor tempo possibile al dissequestro della galleria e alla riapertura almeno della corsia in direzione nord, ovviamente con la massima sicurezza. Poi serviranno i lavori per la messa in sicurezza del rivestimento crollato, intervenendo anche sui canali di scolo. Non solo: con il completamento del progetto originario, si andrebbe a intervenire anche sui canali di scolo esterni, per evitare che piogge importanti come quelle della settimana scorsa possano provocare un accumulo di acqua che ha provocato i danni che abbiamo visto tutti». Quindi conclude: «Tale progetto fa il paio con l’arretramento del tracciato ferroviario, per il quale ci stiamo battendo già da tempo. Se nel nuovo progetto di Rfi è prevista una galleria finalizzata al transito dell’alta velocità, la ferrovia presente rimarrebbe a disposizione del trasporto locale e dei treni merci. Per questo insisto sul suo arretramento». Fin qui il discorso legato alla galleria e al transito dei mezzi pesanti. Intanto, va detto che non vi sono novità sulla richiesta della gratuità del pedaggio autostradale fatta dall’amministrazione all’Anas, nel tratto compreso tra Francavilla (Pescara sud) e Pescara Nord. Proposta avanzata al fine di dirottare il traffico sull’A14 e liberare le strade cittadine, in difficoltà.
Nel corso dell’assise di oggi, bisognerà anche approvare il piano triennale delle opere pubbliche, così come occorrerà fare lo stesso con il Dup (documento unico di programmazione). Sempre Angelucci ha presentato altre tre interpellanze, una con riferimento alla pescheria e alla fonte del peschio, un’altra che riguarda l’orto botanico di Villa Turchi e l’ultima inerente la messa in sicurezza della chiesa di Sant’Ilio.