FRANCAVILLA. Il Comune di Francavilla mette a disposizione un fondo di circa 3mila euro da destinare alle attività estive che vedono impegnati i bambini tra i 5 e i 12 anni, così da offrire un sostegno alle famiglie che altrimenti farebbero fatica a conciliare la vita lavorativa con la gestione dei figli. In settimana, grazie all’assessore alle Politiche sociali Leila Di Giulio, è stata approvata la delibera in cui vengono spiegati tempi e modi per richiedere il contributo. Il voucher, finalizzato a favorire l’accesso ai servizi estivi marini e non, è rivolto ai residenti sul territorio, e per accedervi è necessario che il nucleo familiare non abbia un Isee superiore ai 25mila euro. Sempre l’Isee verrà preso come riferimento per stabilire l’entità dell’importo da concedere, che potrà essere richiesto per tutte quelle attività svolte nel periodo compreso tra il 15 giugno e il 31 agosto.
Sono previsti quattro scaglioni di riferimento: con un Isee fino a 5mila euro si ha diritto a un voucher fino a 300 euro; con Isee tra 5 e i 10mila euro la somma scende a 230 euro; con la terza fascia, che va da 10 a 18mila euro di Isee, si arriva a 160 euro, mentre l’ultimo scaglione, da 18 a 25mila euro di Isee, prevede un contributo massimo di 100 euro. Tale voucher verrà erogato a rimborso dell’attività svolta e le richieste potranno essere presentate nel periodo che va dal 16 al 31 agosto, in virtù dello svolgimento di attività come colonie marine o campi estivi che prevedono una durata giornaliera di almeno 4 ore.
«Quest’anno siamo tornati all’impostazione che c’è stata fino al 2019, con la gestione comunale del contributo per le attività estive», spiega l’assessore Di Giulio. «Riteniamo questa un’attività di fondamentale importanza, sia per i bimbi sia per le rispettive famiglie. Purtroppo, i contributi arrivati nel 2020 e nel 2021 dal governo, stanziati in seguito alla pandemia, quest’anno non ci sono, e così abbiamo fatto il possibile per reperire allo stesso modo un fondo locale. Distribuiremo il tesoretto in base ad alcuni criteri ben precisi, come l’Isee di riferimento, le attività svolte e la loro durata. Il voucher verrà concesso a rimborso delle spese, che dovranno essere documentate». Le domande vanno presentate al protocollo generale del Comune o via pec scrivendo a: protocollo@pec.comune.francavilla.ch.it