L’AQUILA. Solo pochi giorni prima Valter Bucci, Davide De Carolis e Mario Matrella erano a Rigopiano, per prestare soccorso agli sventurati ospiti dell’albergo, nel comune di Farindola, trascinato via e sepolto da una valanga. Solo qualche giorno prima, prima di perdere la vita insieme a Giuseppe (Peppe) Serpetti, Gianmarco Zavoli ed Ettore Palanca. Era il 24 gennaio del 2017, quando un elisoccorso del 118 si schiantò su Monte Cefalone nel corso di una operazione di recupero di uno sciatore, Ettore Palanca, sulle piste di Campo Felice: con lui morirono sul colpo i cinque soccorritori. Da quel giorno sono ormai passati sei anni, anni in cui la città non ha dimenticato. Sarà celebrata martedì prossimo, 24 gennaio appunto, alle 11, nella chiesa delle Anime Sante, una messa di suffragio per le vittime, in occasione del sesto anniversario della tragedia. Parteciperà alla commemorazione il coro del Club alpino italiano diretto da Giulio Gianfelice. L’organizzazione è a cura del dipartimento di emergenza e accettazione della Asl 1 Abruzzo, dell’accademia medica della provincia dell’Aquila “Salvatore Tommasi”, dell’associazione Vado onlus.
Negli anni, diverse le iniziative per ricordare le vittime dello schianto: nel giugno 2017 la giunta comunale decise di intitolare loro una piazza, davanti al monumento ai caduti alla villa: largo Caduti del soccorso. Qui, sempre il 24, dovrebbe essere deposta una corona. Nello stesso mese fu istallata una fontana (grazie ai tecnici del Cnsas, all’associazione aquilana “Corridori del cielo”, del 118 e delle ditte Unirest e Sarra Marmi) al posto di un’antica fonte, “fonte Cefalone” appunto: sulla targa si legge “Più forte del loro coraggio fu la nebbia”. A Davide De Carolis, tecnico teramano del soccorso alpino particolarmente legato alle montagne abruzzesi, è stato dedicato anche un sentiero. Nel tempio dei Medici d’Italia è stata apposta, invece, una targa per ricordare Valter Bucci. Vite spezzate per salvare altre vite, a cui vanno l’ammirazione più profonda e la gratitudine della città.
©RIPRODUZIONE RISERVATA