CHIETI . I lavori da 4,185 milioni per il maxi-cantiere del Terminal bus, che comprende anche l’abbattimento e la ricostruzione della scala mobile, potrebbero partire a breve proprio dalla scala mobile chiusa. L’Almacis di Marramiero, la ditta che ha vinto l’appalto, dopo un lungo tira e molla ha accettato di firmare il contratto con il Comune per iniziare gli interventi. L’opera, avviata dalla precedente amministrazione, metterà in moto uno dei cantieri più grandi della città: prevede il raddoppio dei parcheggi e la demolizione e ricostruzione della scala mobile. La ditta Almacis è stata a lungo indecisa se firmare o meno il contratto con il Comune a causa del problema della rivalutazione dei prezzi. Essendo la progettazione molto datata, l’aggiornamento dei prezzi stessi costituisce una criticità non indifferente. Ora che la procedura si è rimessa in moto, l’amministrazione comunale e l’assessore alle opere pubbliche Stefano Rispoli dovranno prendere decisioni importanti per il futuro. È probabile che l’ente, di fronte a un’opera così complessa, decida di avviarla a step, iniziando da quello che ha meno impatto sulla mobilità cittadina, vale a dire dalla demolizione e ricostruzione della scala mobile. (a.i.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.