L’AQUILA. Il Comune dell’Aquila ha affidato, con procedura negoziata, la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di “Riqualificazione dell’area compresa tra il convento della Beata Antonia, via Sallustio e piazza Fontesecco”. L’appalto è andato alla ditta “Tecno Edil di Varallo Salvatore” con sede legale a Marsico Nuovo (Potenza). L’importo dei soli lavori è di 395.016 euro (Iva compresa). Per tutto l’intervento erano stati stanziati 610.000 euro grazie al Fondo complementare del Pnrr.
«È prevista» si legge negli atti comunali «l’esecuzione di tutte le opere e le provviste necessarie per riqualificare l’area urbana in conseguenza dell’abbattimento di un condominio incongruo che occludeva la visuale del retrostante chiostro dell’antico convento della Beata Antonia. L’obiettivo è quello di realizzare un grande spazio aperto mediante la progettazione di una piazza pubblica ponendo particolare attenzione alla realizzazione di un impianto di illuminazione che vada anche a sottolineare la presenza degli elementi architettonici storici, oltre all’inserimento di elementi di arredo urbano e di aree destinate a verde pubblico. L’attenzione sarà posta nella ricerca dei materiali, delle finiture, degli elementi dell’arredo urbano e dell’intera pavimentazione che interesserà l’intervento nella sua globalità tenendo conto dell’armonia, della durabilità, della territorialità, della storia e del basso impatto ambientale». (g.p.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.