PENNE. Accordato un premio di produzione per i dipendenti del comparto produttivo Brioni. I sindacati dei lavoratori della maison d’alta moda pennese hanno raggiunto un accordo con i vertici aziendali per un incentivo di produttività. Erano diversi anni che non venivano concessi ai dipendenti del comparto produttivo. Il compenso aggiuntivo, niente a che vedere con quelli degli anni passati, sarà erogato a partire da marzo 2023 e sarà influenzato dal rispetto di alcuni parametri: assiduità collettiva (aumenta il premio con il diminuire delle assenze per malattia); l’indice costo-fabbrica, vale a dire il numero dei capi prodotti ad ora; e poi un parametro relativo all’esperienza aziendale.
Tutto ciò sarà erogato a marzo di ogni anno e ci sarà anche la possibilità di trasformare in un welfare questo premio. La cifra sarà dunque variabile, più saranno rispettati questi parametri e maggiore sarà il premio.
Sul fronte esuberi, intanto, restano poco più di 240 i lavoratori che hanno firmato il percorso di uscita volontaria, che si concretizzerà a fine dicembre 2022. Rispetto ai 321 esuberi previsti dai vertici aziendali Brioni nel piano industriale presentato al Mise ad aprile 2021, ballano ancora un 70/80 dipendenti. Di certo, nel 2023, la forza produttiva nei tre stabilimenti vestini di Brioni non dovrebbe discostarsi più di tanto da 635 unità. Fino a dicembre 2022, comunque, le maestranze in uscita potranno continuare a beneficiare della cassa integrazione straordinaria, così come tutti gli altri lavoratori Brioni. Nel frattempo i vertici Kering continuano ad investire sul marchio Brioni. Proprio in questo mese di maggio è stato aperto il primo negozio Brioni a San Paolo, in Brasile, all’interno del centro commerciale Shopping Cidade Jardim. Nella campagna pubblicitaria primavera-estate, inoltre, ha fatto il suo esordio la coppia padre-figlio Jude Law e Raff Law come brand ambassador Brioni. Dopo aver vestito per anni i capi di Stato di tutto il mondo, curato l’immagine delle star di James Bond, Brioni ha continuato negli anni a legare in modo indissolubile il suo nome alle più grandi icone del cinema mondiale.