PESCARA. Partita a biliardino ieri mattina anche per Riccardo Padovano, presidente della Sib Abruzzo – Confcommercio. Dopo il pericolo scampato per l’equiparazione del calciobalilla ai videopoker, i balneatori cantano vittoria. Ora c’è attesa per il provvedimento definitivo dell’Agenzia delle Dogane che cancella il biliardino dai giochi da sottoporre a tasse e sanzioni. «La riapertura dei termini per la regolarizzazione e l’imminente esonero sono provvedimenti», dice Padovano insieme al presidente nazionale Sib Antonio Capacchione, «che eliminano il rischio concreto e reale di onerose sanzioni che hanno indotto molti esercenti a privare le proprie attività di giochi tradizionali, vero e proprio elemento identitario dell’estate italiana, come, del resto, lo sono gli stessi stabilimenti. Ora ci aspettiamo analoga saggezza e solerzia da parte del governo per l’eliminazione della legge “ammazza balneari”. La balneazione attrezzata italiana è un comparto importante non solo per la nostra occupazione e l’economia turistica ma, soprattutto, dell’identità del Paese».