SULMONA. «Otto mesi di immobilismo assoluto con la città che è stata lasciata in balìa di se stessa proprio nel momento di maggior bisogno da una maggioranza traballante, litigiosa e piena di contraddizioni». Queste le pesanti accuse dei consiglieri di Fratelli d’Italia, Vittorio Masci e Salvatore Zavarella, alle quali puntuale arriva la replica della coalizione di maggioranza che fa quadrato attorno al sindaco Gianfranco Di Piero.
«Ci piace ricordare ai due esponenti di FdI che parlano di una maggioranza “traballante”, che ad oggi questa ha sempre votato all’unanimità sia nelle commissioni che nei consigli comunali. Questa è la stessa maggioranza che ha sonoramente battuto alle urne sia il candidato Masci di Fratelli d’Italia che i civici, di cui il consigliere Zavarella era sicuramente la più autorevole espressione», affermano gli esponenti di Pd, Sulmona Libera e Forte, Sbic, M5S e Intesa per Sulmona. «Questa coalizione che viene accusata di aver accettato di tutto pur di vincere, rammenta che l’allora coordinatore territoriale di FdI Masci si dimise dall’incarico in aperta polemica con i suoi vertici di partito quando il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi e i civici concordarono, ignorandolo, l’assetto del Cogesa. Lo stesso Masci, qualche mese dopo, apriva a Sulmona la sua campagna elettorale proprio con il sindaco dell’Aquila Biondi. Ed ancora, a proposito di inopportunità (la lettera a Draghi) ed opportunismi, la campagna elettorale del centrodestra non è stata forse condotta tuonando contro i metodi (e gli uomini) di Andrea Gerosolimo con la promessa che mai e poi mai avrebbero avuto a che fare con lui? Noi, però, non abbiamo gridato allo scandalo quando il consigliere Masci ha poi accolto nelle sue fila il consigliere Zavarella, perché la politica, si sa, è l’arte del possibile. Da ultimo, esaminando le accuse rivolte al nostro bilancio, considerato dai due consiglieri privo di entusiasmi e di una visione moderna di città, confessiamo di aver sperato nell’arrivo di quei suggerimenti di cui parlano nel comunicato. Ad oggi, tuttavia, non una sola proposta è pervenuta a questa amministrazione», conclude la maggioranza. (c.l.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA .