SAN SALVO. Il distretto sanitario di San Salvo sarà trasformato in casa/ospedale di comunità e centro di coordinamento territoriale di tutti gli altri distretti sanitari della zona. La notizia è stata data ieri mattina nel corso della visita a San Salvo dell’assessore regionale alla sanità, Nicoletta Verì, e del direttore generale della Asl, Thomas Schael. Soddisfatti il sindaco Tiziana Magnacca e il presidente del consiglio comunale, Eugenio Spadano.
Verì e Schael hanno annunciato l’ottimizzazione dei servizi della struttura con 3 milioni e mezzo di investimenti e oltre 600mila euro per la strumentazione. «Accolgo con favore da donna», ha dichiarato Magnacca, «la decisione di dotare San Salvo di un mammografo per la tutela della salute delle donne, la gioia più grande annunciata oggi». Il sindaco nell’occasione ha ringraziato gli operatori sanitari del distretto per il lavoro fatto in questi anni di epidemia pandemica.
Il progetto per la sanità del territorio prevede la realizzazione di un Cot (Centrale operativa territoriale) di 175 metri quadrati per una spesa di 123.529.36 euro, un Cdc (Casa della comunità) da 800 metri quadrati per un costo di un milione e 910mila euro e un Odc (ospedale di comunità) che si estenderà su una superficie di 800 metri quadrati con 20 posti letto per un investimento di un milione 5183milae 264,36 euro, opere finanziate con fondi del Piano nazionale ripresa e resilienza. Previsto l’arrivo di un ortopantomografo e autorizzati l’acquisto di un robot per produzione cd/dvd per il paziente e il mammografo con tomosintesi. (p.c.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA .