TERAMO. Il questore di Teramo sospende per 15 giorni la licenza di un pubblico esercizio teramano di somministrazione alimenti e bevande, teatro di un’aggressione sfociata in rissa. 

La sospensione è stata firmata oggi dal questore della provincia di Teramo, Lucio Pennella, dopo che ad agosto, sia all’interno che all’esterno del pubblico esercizio, come rilevato da carabinieri e polizia, un dipendente del locale ha aggredito un cliente provocando una successiva rissa.

Inoltre, in molteplici controlli effettuati nei mesi di agosto e settembre è stata accertata la costante presenza di clienti noti alle forze dell’ordine per reati contro la persona e il patrimonio. Nel corso delle ispezioni il titolare è stato sanzionato dalla questura di Teramo per violazioni amministrative sul divieto di fumo, gli avvertimenti degli effetti dell’alcool. Sanzioni sono arrivate anche dall’Ispettorato del lavoro e dal Servizio di igiene alimentare del Dipartimento di prevenzione della Asl di Teramo per violazioni in materia di sicurezza sul lavoro e impiego di personale senza assunzione.

In ultimo, in recenti controlli effettuati dalla Squadra mobile nelle vicinanze dell’esercizio, sono state sanzionate amministrativamente due persone per detenzione per uso personale di sostanza stupefacente, nonché è stato segnalato all’autorità giudiziaria un uomo perché trovato in possesso di un tirapugni.

Pertanto l’atività è sospesa e alla porta dell’esercizio commerciale c’è il cartello con scritto “chiuso per disposizione del questore”.