CHIETI. Geriatria non sospenderà i ricoveri nel mese di luglio. Dopo il coro di proteste e la diffida dei medici del reparto, la Asl fa marcia indietro e trova un altro modo per assicurare personale al Pronto soccorso. 

A causa della carenza di medici al Pronto soccorso, infatti, da questa settimana la dirigenza Asl aveva deciso di chiudere Geriatria, per mettere a disposizione del Pronto soccorso il personale del reparto. 

Contro questa decisione sono scesi in campo sia i medici del reparto, che hanno inviato al vertice Asl una formale diffida, sia la politica – a cominciare dal sindaco di Chieti Diego Ferrara – sia le associazioni che si occupano di sanità. 

Alla fine la Asl ci ha ripensato, comunicando la decisione nel corso della riunione di oggi del Comitato ristretto dei sindaci della Asl, in cui ha presentato anche un piano di riordino dell’ospedale teatino.