Diminuiscono i positivi al Covid in Abruzzo, ma aumentano, seppur leggermente, i ricoveri. Sono 3.333 i nuovi casi registrati ieri, contro i 3.788 di martedì scorso, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza, al netto dei riallineamenti, a 497.575. Otto i pazienti deceduti: un 73enne della provincia di Teramo e un 80enne della provincia di Chieti, mentre sei decessi risalgono ai giorni scorsi, ma sono stati comunicati solo ieri dalle Asl alla Regione. Sono 3.446 i morti per Covid, in regione, dall’inizio della pandemia.
Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 448.702 pazienti dimessi o guariti, 12.354 rispetto a lunedì. Secondo il bollettino diffuso dall’assessorato regionale alla Sanità, gli attualmente positivi in Abruzzo sono 45.427, 9.029 rispetto a lunedì e oltre 3.400 in meno nel confronto con la scorsa settimana. Di questi, 285 pazienti, 10 in più rispetto al giorno precedente, sono ricoverati in ospedale in area medica, 11 (+2) in terapia intensiva, mentre i restanti sono in isolamento domiciliare. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 2.117 tamponi molecolari che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a quota 2 milioni 414mila 112 i e 12.039 test antigenici. Del totale dei casi positivi, 101.861 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+549), 142.729 in provincia di Chieti (1.009), 115.126 in provincia di Pescara (+809), 120.375 in provincia di Teramo (775), 10.380 fuori regione (98) e 7.104 (93) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Numeri che risentono della diminuzione dei tamponi nel fine settimana.
Intanto, il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, ha parlato di «necessità di convivere con il virus» e ha annunciato, per i prossimi giorni, una possibile riduzione dell’isolamento per chi è positivo, ma non ha sintomi. Il passo successivo potrebbe essere quello di eliminare anche la quarantena, per poter andare a lavorare, ma con l’obbligo di indossare la mascherina. Decisioni attese nelle prossime ore che vanno di pari passo con la decrescita dei contagi Covid in tutta Italia a una velocità pari a quella con cui erano cresciuti. – 20% a settimana. «L’ Rdt, ovvero l’indice di replicazione diagnostica, è attualmente pari a 0,78», ha detto Cesare Cislaghi, presidente della Società italiana di epidemiologia che ha sottolineato come «per il momento la curva di discesa è simmetrica a quella con cui i casi erano saliti e, in base all’Rdt la decrescita da una settimana all’altra è pari a circa a un quinto».
Intanto prosegue la somministrazione, su tutto il territorio abruzzese, della quarta dose di vaccino per gli over 60 che abbiano ricevuto la terza dose da almeno 120 giorni, coloro che siano guariti dall’infezione da almeno 120 giorni e gli over 12 immunocompromessi.
©RIPRODUZIONE RISERVATA