MONTEREALE. Nel “bosco sacro” di Patrignone è in programma la terza edizione del concerto dei Solisti Aquilani, “Note nel bosco”.
Nello scenario naturale dell’Alto Aterno, a Montereale, un incanto della natura popolato da secolari piante d’alto fusto, si terrà domani, a partire dalle 19.30, l’evento musicale molto atteso. Un appuntamento culturale in grado di dare visibilità alle montagne dell’Aquilano e alle tante possibilità che sono in gradi di offrire, ma anche di sensibilizzare la collettività sulla salvaguardia dell’ambiente.
La manifestazione vede la sinergia dei Solisti con le associazioni del territorio e il patrocinio del Comune di Montereale. Il concerto è in collaborazione con: Associazione Aringo club aps, Associazione Pro Aringo, Associazione La Fontana Castiglione, Associazione Cesaproba 96, Pro loco di Montereale, Società culturale e ricreativa Pellescritta, Associazione I Patrignonesi, Pro Loco Ville di Fano, Gruppo Alpini Marana, Gruppo Aeronautica Marana, Gruppo Maranese Tnt, Associazione pubblica Assistenza Montereale, Associazione Rinnovamento Cabbia, Associazione Santa Vittoria.
Le associazioni stanno lavorando da giorni alla realizzazione dell’evento. I Solisti Aquilani proporranno un concerto con Le Quattro stagioni di Antonio Vivaldi , particolarmente in sintonia con il luogo prescelto per l’iniziativa culturale.
«La popolazione locale», come riferisce Nando Giammarini, tra i sostenitori dell’iniziativa, «è pronta alla mobilitazione sia per la partecipazione al concerto sia per esprimere contrarietà all’ipotesi che questi luoghi possano essere attraversati dal passaggio del metanodotto. Nulla di più assurdo e sbagliato innanzitutto perché bisogna pensare a uno sviluppo turistico futuro e perché non si può pensare di costruire una simile struttura in una zona a elevato grado di sismicità».
©RIPRODUZIONE RISERVATA.