PESCARA. Si svolgono domani, mercoledì 30 novembre, alle 16,30, nella chiesa dello Spirito Santo, i funerali di Maurizio Cotellessa, commercialista morto a 59 anni di Sla.

Tanti i messaggi di cordoglio e di vicinanza alla moglie  e al figlio che si susseguono sui social nel ricordo di una persona speciale. Un «grande uomo e grande guerriero», sempre spinto dalla «gioia e dall’entusiasmo», «esempio unico di vita e amore», «un grande angelo» che ora «riposa tra gli angeli», «un ragazzo di una bontà infinita e un cuore immenso», «un dono di Dio», «uomo umile e pieno di fede». Sarà impossibile, scrivono su Facebook, «dimenticare il suo sorriso e la sua forza», avendo «combattuto come mai nessuno. E, nonostante tutto, ha avuto sempre un sorriso per ciascuno di noi». Cotellessa si era fatto conoscere anche nel mondo dell’associazionismo, a partire dalla Fidas, ed era uno sportivo praticava il tennis, il nuoto, lo sci, il calcio.

Aveva scoperto di avere la sclerosi laterale amiotrofica nove anni fa, ma la sua generosità, il suo impegno, l’ha spinto a continuare a lavorare ricevendo i clienti in casa.  (f.bu.)

copyright il Centro