GIULIANOVA. I problemi di aule del liceo scientifico Marie Curie si sono trasferiti in sala Buozzi. Ieri pomeriggio il presidente della Provincia Diego Di Bonaventura, il consigliere delegato Enio Pavone, il sindaco di Giulianova Jwan Costantini, unitamente alla dirigente scolastica Silvia Recchiuti e al dirigente della Provincia Francesco Ranieri, hanno incontrato una folta delegazione di genitori dei ragazzi delle terze classi, che sono state trasferite nella succursale di Colleranesco. Diversi rappresentanti delle famiglie hanno rivendicato un uguale trattamento per tutti gli studenti visto che quelli che frequentano la sede distaccata devono affrontare diversi handicap, tra cui l’assenza della palestra e dei laboratori.
Costantini lunedì aveva effettuato un sopralluogo per verificare le aule disponibili nel monastero dei Benedettini: «Le ho trovate in buone condizioni e i lavori da svolgere sono davvero minimi», dice. Il presidente Di Bonaventura, nell’assicurare l’ampliamento della sede principale del liceo entro 36 mesi, ha garantito uno sforzo per portare ai Benedettini le classi che sono ora a Colleranesco al massimo entro fine anno. Si è anche impegnato a sostenere nel frattempo il costo della navetta, come pure il sindaco di Giulianova ha assicurato un contributo al riguardo. Alcuni genitori hanno chiesto di anticipare l’evento di uno o due mesi, ma è stato replicato che occorrerà verificare l’andamento dei lavori e la condizione dell’immobile in ordine ai vari fattori di rischio e sicurezza. Per venerdì prossimo la preside Recchiuti convocherà le varie parti interessate per parlare delle problematiche del trasporto degli alunni, sia di quelli che frequentano la sede principale che di quelli momentaneamente dislocati nella succursale. (al. al.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA .