VASTO. La Cisl Abruzzo-Molise cambia vertice. Il sindacato che vanta 122mila iscritti nelle due regioni ha eletto Giovanni Notaro segretario generale. Il sindacalista molisano subentra a Leo Malandra che ha concluso il suo mandato. Tutto come da pronostico. Notaro, dipendente dello stabilimento Stellantis di Termoli, ha maturato la sua esperienza nella federazione dei metalmeccanici Fim Cisl. Dal 2013 ha ricoperto la carica di segretario generale aggiunto della Cisl Abruzzo-Molise. La nuova squadra si completa con l’elezione di altri 4 componenti della segreteria che lo accompagneranno per i prossimi 4 anni: Riccardo Gentile, riconfermato in segreteria, e Lucio Petrongolo, proveniente dal territorio di Chieti, saranno i segretari generali aggiunti; Maria Pallotta, componente femminile, e Paolo Sangermano, responsabile Ast L’Aquila, completano il nuovo assetto.
I lavori del secondo giorno del Congresso Cisl si sono aperti con un’analisi economica ed occupazionale dettagliata sulle due regioni dell’economista Giuseppe Mauro e si sono svolti alla presenza del segretario nazionale, Ignazio Ganga. Il neo segretario Notaro, eletto con netta maggioranza, ha espresso gratitudine e riconoscenza al suo predecessore. «La guerra in Ucraina sembra produrre una nuova situazione economica che di sicuro tenderà a coinvolgere sia l’Abruzzo che il Molise dove convivono stagnazione ed inflazione, ossia bassa crescita e aumento dei prezzi con effetti recessivi sull’occupazione, sulle esportazioni e sul Pil», ha detto Notaro.
«Il Pnrr è un’occasione per i nostri territori, una partita che non possiamo perdere ma che, come parti sociali, vogliamo giocare sia nella fase progettuale che operativa». E poi, nel rivolgere un pensiero a coloro che pagano il conto più salato del disagio sociale, ha spiegato che «la Cisl allargherà la sua azione sindacale cercando di rappresentare al meglio anche il mondo delle marginalità occupazionali e sociali e i nuovi bisogni di lavoratori, pensionati, di giovani, donne, anziani, immigrati».
Stiamo già assistendo a importanti processi di trasformazione e transizione del mondo del lavoro, più innovazione tecnologica e digitale, modifiche degli orari e dei luoghi del lavoro, che si aggiungono però a una società più frammentata. «Non sarà facile ma il nostro compito sarà quello di analizzare il contesto e fare proposte responsabili sulle priorità dei nostri territori. Solo con il dialogo fra le parti sociali, le istituzioni e le associazioni datoriali potremo raggiungere intese importanti e fare del Pnrr, delle strategie macroregionali e dei corridoi e delle risorse nazionali, una chance di rilancio e crescita attraverso riforme condivise», ha infine sottolineato il nuovo segretario. «Abbiamo maturato un’esperienza che non andrà dispersa ma verrà valorizzata irrobustendo la rete delle nostre strutture, dei nostri servizi, delle nostre Federazioni non solo in modo rivendicativo ma anche partecipativo con una Cisl Abruzzo Molise più rappresentativa nei posti di lavoro e nei territori, e protagonista nelle prossime sfide che dovremo affrontare, attraverso la contrattazione e la concertazione», ha concluso tra gli applausi Notaro. (u.c,)