PINETO. È guerra aperta tra il Comune di Pineto e la società che gestisce l’area di sosta su terreni privati a sud della Torre di Cerrano. Fino a ieri era la ditta “Soluzione Parcheggi srl” guidata da Dino Primante a gestire gli spazi in virtù di un’autocertificazione inoltrata via Pec all’ufficio protocollo dell’ente. Dopo il primo temporaneo stop a proseguire l’attività, è arrivato un ulteriore provvedimento di chiusura emanato dagli uffici comunali che di fatto ha di nuovo reso inaccessibile l’area riaperta solo la scorsa settimana.
«Chiederemo al Tar la sospensiva del nuovo provvedimento in attesa del giudizio e in circa dieci giorni avremo una risposta dai giudici», annuncia Primante, «stiamo lavorando a singhiozzo con aperture e chiusure ed è nostra intenzione chiedere un risarcimento danni all’amministrazione comunale che invece l’anno scorso ci ha permesso di lavorare. Teniamo tuttavia a ribadire che la nostra società svolge regolarmente l’attività di gestione di parcheggi a pagamento, come da oggetto sociale, e nel caso di specie tale attività viene svolta su un’area privata».
La vicenda inizia durante il ponte tra il 25 aprile e il 1° maggio, quando l’elevato afflusso di visitatori alla torre ha fatto scoppiare il caos proprio perché il parcheggio privato a sud era stato chiuso con transenne. Molte auto hanno dunque parcheggiato irregolarmente sulla statale 16. Fratelli d’Italia ha poi evidenziato come nei giorni successivi il parcheggio a sud fosse stato riaperto e che le soste venivano fatte pagare. Il Comune di conseguenza, dopo alcuni accertamenti, ha deciso di intervenire bloccando il servizio. Sulla vicenda l’amministrazione cittadina non ha inteso chiarire le relazioni intercorse durante questo periodo con la società che gestisce i parcheggi, per cui ci sono da attendere ulteriori sviluppi legati anche al ricorso al Tar. Intanto permane lo scarso numero di stalli per la sosta destinati ai visitatori dell’area marina protetta “Torre di Cerrano” che in questo periodo sta incrementando gli eventi in programma.
©RIPRODUZIONE RISERVATA