TERAMO. Critiche a chi critica: la Casa del Popolo e il Centro politico Santacroce esprimono disappunto per le recenti dichiarazioni del consigliere di minoranza Luca Corona, che si è detto contrario alla creazione da parte del Comune di una stazione di posta, ovvero di un centro di accoglienza e servizio per i senzatetto, nell’ex scuola elementare di Villa Pavone. Il consigliere non polemizza contro il progetto (finanziato con un milione di euro dal Pnrr) ma critica la sede, che vorrebbe vedere destinata al comitato di quartiere.
«Non c’è nulla di sbagliato nel chiedere spazi per le realtà di quartiere, anzi ben venga una soluzione a tali mancanze, ma fare propaganda politica su un progetto così umanamente nobile ci sembra quantomeno pretestuoso. Con una struttura attrezzata e con dipendenti qualificati si allevierebbe almeno in parte la problematica abitativa, al centro della nostra azione politica da anni e mai affrontata direttamente dalle varie amministrazioni», dicono Casa del Popolo e Centro Santacroce, che ben accolgono anche l’idea di un incontro con i residenti di Villa Pavone e con il comitato di quartiere per aprire un confronto concreto sul tema. (v.m.)