CASTEL DI SANGRO. È un appuntamento da non perdere per quanti hanno la passione per la pesca a mosca e per la natura. Castel di Sangro e il suo splendido fiume si preparano alla 19ª edizione del “Sim Fly Festival” in occasione della Giornata mondiale della Pesca a mosca. In arrivo più di 200 pescatori a mosca provenienti, oltre che da molte regioni del Nord Italia, da Usa e Canada, Norvegia, Svezia, Regno Unito, Olanda, Belgio, Spagna, Francia, Svizzera.

In programma laboratori di costruzione di esche artificiali con oltre 40 costruttori, laboratori di costruzione di canne in bamboo, laboratori di lancio con tecnica italiana e anglosassone, una tavola rotonda sulla reintroduzione della trota del ceppo mediterraneo. Con l’istituzione della Giornata mondiale della Pesca a mosca, la SIM e la GAIA (Game Angling Instructors Association), associazione del Regno Unito, hanno voluto promuovere e valorizzare i principi etici e culturali, oltre che tecnici, della pesca a mosca, che inizia dalla conoscenza dell’ambiente acquatico e degli insetti che lo popolano, delle abitudini alimentari dei pesci e, passando per la costruzione delle imitazioni degli insetti, arriva alla parte più tecnica rappresentata dal lancio dell’esca che va eseguito nel modo più naturale al fine di ingannare il pesce.

Il primo appuntamento dell’evento, promosso dal “Gal Abruzzo Italico Alto Sangro”, con la collaborazione della Regione, dell’associazione “Il Bosso” e della Scuola italiana di pesca a mosca presieduta dall’abruzzese Osvaldo Galizia, si svolge domani sera dalle 20,30. Si tratta di un cooking show “La trota sul palco” con gli chef Ivano Pallotta e Patrizia D’Andrea, durante il quale vengono realizzati, nel convento della Maddalena, dei piatti speciali per l’occasione.

Sabato e domenica, dalle 10,30 alle 18, pittori di tutta Italia sono impegnati in una estemporanea d’arte. Sabato alle 10 viene inaugurata la 21ª mostra internazionale di arte contemporanea “L’arte della pesca… la pesca nell’arte” e poi partono i laboratori di costruzione delle esche artificiali. Previsti, dalle 10 alle 19, sempre nel convento, dei mini corsi di apprendimento alla costruzione di mosche artificiali a cura dei migliori Fly Tiers italiani e stranieri e un laboratorio di costruzione di canne in bambù, con corsi di apprendimento alla costruzione di canne a cura di Ibra e della tecnica di lancio e costruzione artificiali.

I più “audaci” possono fare dimostrazioni di lancio tecnica Sim (Scuola italiana di pesca a mosca) con istruttori qualificati. Sempre sabato sono in programma dimostrazioni di pesca a mosca con la tecnica giapponese “Tenkara” a cura di Alberto Salvini e Davide Zarlenga e di tecnica anglosassone “long distance” e canna a due mani a cura di Tracy Thomas e James Evans nel fiume Sangro, dalle 10 alle 17. Sabato alle 21 viene assegnato il premio internazionale “Claudio D’Angelo Award 2022” per il migliore fly-tier italiano e straniero con una scultura del maestro Alberto Coppini.

Domenica, sempre nel convento, è prevista alle 10,30 la tavola rotonda “Reintroduzione della trota del ceppo mediterraneo-tra problematiche normative e applicative” e alle 13 l’estrazione per la raccolta fondi per il museo della pesca a mosca.
©RIPRODUZIONE RISERVATA.