GIULIANOVA. È pronta la nuova caserma dei carabinieri nel quartiere Annunziata. I lavori per la realizzazione dell’edificio sono conclusi, ma manca la recinzione, un elemento fondamentale visto che si tratta di una struttura militare. «La caserma c’è», riferisce l’assessore ai lavori pubblici Giampiero Di Candido, «entro un mese verrà effettuato il collaudo degli impianti elettrici, del sistema di allarme e antincendio, mentre il collaudo strutturale è stato già fato: seguiranno le procedure di accatastamento da parte di un tecnico incaricato e la pratica di agibilità». Tuttavia, i militari dell’Arma non potranno trasferirsi nel nuovo immobile di via Di Vittorio perché priva ancora di recinzione. il Comune deve reperire circa 400mila euro per l’indispensabile protezione esterna. «L’importo stimato questo ad oggi, considerati gli aumenti delle materie prime, e include anche la sistemazione delle aree esterne alla caserma, «continua Di Candido», «spetta ora alla Regione concedere il finanziamento, come da accordo fra ex sindaco Mastromauro e l’allora governatore D’Alfonso». L’amministratore tiene a precisare, inoltre, di aver avuto un’interlocuzione con l’ente regionale per rappresentare la questione, a cui ne seguiranno degli altri: tuttavia, i tempi per la recinzione non saranno brevi. A detta di Candido «in condizioni normali avremmo riutilizzato il cosiddetto ribasso d’asta per i lavori, ma l’aumento esponenziale dei prezzi dovuto prima dalla pandemia per Covid e poi dal conflitto in Ucraina, è stato utilizzato per coprire le spese per finire l’opera: entrambe le situazioni peraltro, hanno rallentato l’esecuzione dei lavori».(s.g.)