SAN GIOVANNI TEATINO. “Siamo leader nella realizzazione di prodotti monouso per l’igiene e, nel corso degli anni, abbiamo saputo costantemente innovare sviluppando soluzioni tecnologiche ad alta produttività e servizi digitali avanzati, diventando un player di riferimento per la Smart Factory Automation.” Lo afferma Alessandro Bulfon, general manager Fameccanica commentando i dati dell’ufficio europeo dei brevetti, Epo, per il 2021 secondo cui l’azienda della provincia di Chieti è la prima italiana davanti a grandi aziende nazionali.

leggi anche:

Fameccanica, escono gli americani: ora è tutta italiana con Angelini Industries Il cambio societario riguarda anche la sede di San Giovanni Teatino dove lavorano 550 dipendenti

Con 85 domande, l’azienda di automazione e robotica con sede a San Giovanni Teatino ha scalato la classifica italiana per numero di domande di brevetti all’ufficio europeo Epo.

“Siamo molto orgogliosi di questo primato”, dice Bulfon, “frutto di investimenti mirati in R&D, digitale e nuove tecnologie. Da quasi 50 anni, in Fameccanica – oggi interamente controllata da Angelini Industries – guardiamo al futuro della Factory Automation depositando un elevato numero di brevetti e invenzioni (complessivamente ne abbiamo registrati oltre 750)”.

“Oggi – con oltre 700 dipendenti dislocati in tre continenti, più di 200 milioni di fatturato (2021) e oltre 1.200 impianti produttivi all’avanguardia consegnati in tutto il mondo – progettiamo e sviluppiamo tecnologie e soluzioni nel campo dell’automazione e della robotica per prodotti FMCG, packaging sostenibile, movimentazione e riconoscimento automatico per la logistica, con un’attenzione costante alla sostenibilità e all’ottimizzazione dei processi industriali” ha concluso il manager.