L’AQUILA . Aiuti per gli studenti meno abbienti, quindi con un basso reddito familiare, delle scuole superiori. La Regione Abruzzo ha stabilito i criteri e le modalità per l’individuazione degli aventi diritto alle borse di studio per l’anno scolastico 2021/2022.
Ciascun beneficiario potrà utilizzare la somma percepita, determinata in 200 euro, per l’acquisto di libri di testo, per la mobilità e il trasporto pubblico e per l’accesso a beni e servizi di natura culturale. L’importo complessivo, stanziato per quest’anno, è di 805mila 545 euro «a favore di studenti e studentesse residenti in Abruzzo». Per avere diritto all’erogazione della borsa di studio per l’anno scolastico che si è appena concluso l’Indicatore della situazione economica equivalente (Isee) del richiedente non potrà essere superiore a 12mila euro.
La Regione si riserva la possibilità di aumentare l’importo di 200 euro, tenendo conto delle risorse complessivamente stanziate dal ministero dell’Istruzione, in relazione al numero effettivo degli aventi diritto al beneficio. Nel caso in cui, invece, l’importo delle borse di studio destinato agli studenti abruzzesi non fosse sufficiente a coprire tutte le richieste pervenute si provvederà a formulare un’apposita graduatoria sulla base dei valori Isee certificati, favorendo chi è anagraficamente più giovane, fino ad esaurimento delle risorse a disposizione.
La struttura competente della Regione, Direzione Lavoro – Sociale, servizio istruzione, formazione e università, si occuperà di raccogliere gli elenchi con le generalità dei beneficiari e li trasmetterà al ministero dell’Istruzione sotto forma di un’unica graduatoria regionale, che individua gli effettivi beneficiari in base alle risorse dedicate.
Le borse di studio saranno erogate direttamente dal ministero dell’Istruzione mediante il sistema dei bonifici domiciliati in collaborazione con Poste Italiane. Gli studenti beneficiari delle borse di studio, potranno esigere gratuitamente il beneficio, disponibile in circolarità, in qualsiasi ufficio postale.
I Comuni del territorio della Regione Abruzzo provvederanno ad informare i rispettivi utenti beneficiari in merito alle modalità e ai tempi di erogazione delle borse di studio, che saranno indicati dal ministero dell’Istruzione.
Le borse di studio dovranno essere utilizzate per l’acquisto dei libri di testo, di biglietti e abbonamenti per il trasporto urbano ed extraurbano o per l’accesso a beni e servizi di natura culturale, anche se non è richiesto alcun giustificativo della spesa. Per ottenere la borsa di studio non viene richiesto nemmeno un requisito di merito scolastico. (m.p.)