PESCARA. Non tutti riceveranno il bonus da 200 euro a luglio. Alcune categorie, come gli stagionali, gli autonomi senza partita Iv e chi percepisce la disoccupazione, riceveranno l’indennizzo del Governo contro il caro vita soltanto a ottobre. Dipendenti, pensionati e lavoratori domestici, ma anche percettori del reddito di cittadinanza, potranno invece riceverlo subito, nella busta paga di luglio.
Lo chiarisce una circolare pubblicata nei giorni scorsi dall’Inps, che dà il via alla macchina amministrativa per l’erogazione del contributo a oltre 30 milioni di italiani, fissando la scadenza per le domande ( per le categorie per cui è richiesta) e confermando i requisiti per poter accedere al bonus: il principale è che si deve avere un reddito lordo inferiore a 35mila euro annui.
A CHI ARRIVERà A LUGLIO
A luglio riceveranno il contributo i lavoratori dipendenti, del pubblico e del privato, titolari di uno o più rapporti di lavoro, ai quali spetta il diritto all’esonero contributivo dello 0,8% previsto per i redditi fino a 35 mila euro lordi. Il bonus sarà erogato in maniera automatica dal datore di lavoro, dopo aver ricevuto un’autocertificazione da parte del lavoratore. L’autocertificazione non è richiesta ai dipendenti pubblici.
Sempre a luglio, beneficeranno del bonus di 200 euro le persone a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché i titolari di trattamenti di accompagnamento alla pensione. Ma anche i percettori del reddito di cittadinanza.
Lo riceveranno a luglio anche i lavoratori domestici – come colf e badanti – che però ne devono fare richiesta. Hanno tempo per presentare la domanda tramite Caf fino al 30 settembre.
A CHI ARRIVERà A OTTOBRE
Riceveranno il bonus a ottobre, invece: i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, con un contratto attivo alla data del 18 maggio e reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35 mila euro per il 2021; gli stagionali, a tempo determinato e intermittenti con 50 giornate di lavoro effettivo nel 2021 (nella platea dei destinatari sono ricompresi anche i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo); gli iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo con 50 contributi giornalieri nel 2021; gli autonomi occasionali privi di partita Iva, che abbiano versato almeno un contributo previdenziale mensile nel corso del 2021; gli incaricati di vendite a domicilio, che possano far valere per il 2021 un reddito superiore a 5 mila euro derivante da tale attività. Per queste categorie il termine di presentazione della domanda è il 31 ottobre. Ma riceveranno a ottobre il bonus da 200 euro anche coloro che percepiscono la disoccupazione. «Per i titolari nel mese di giugno 2022 delle prestazioni NASpI e DIS-COLL, per la platea dei beneficiari di disoccupazione agricola 2021 e dei già beneficiari delle indennità Covid-19 2021, il pagamento avverrà nel mese di ottobre 2022, successivamente all’invio delle denunce Uniemens dei datori di lavoro, prevista per il mese di settembre 2022», si legge nella circolare dell’Inps. (l.t.)