TERAMO. Continuano i controlli dalla polizia nel contrasto al consumo e allo spaccio di sostanze stupefacenti negli istituti scolastici. Controlli che vengono effettuati nell’ambito dell’attività di vigilanza predisposta su tutto il territorio dal questore Lucio Pennella. Ieri mattina, a distanza di una settimana dalla precedente attività in altri istituti, il personale dell’Ufficio Prevenzione Generale della questura, supportato dalle unità cinofile antidroga della polizia, ha effettuato controlli e perquisizioni all’interno del liceo artistico. Nel corso dell’attività i cani antidroga hanno segnalato la presenza di una dose di hascisc all’interno di un portamonete di uno studente teramano diciottenne. La successiva perquisizione che è stata fatta nell’abitazione del giovane ha consentito di rinvenire altri 72 grammi della stessa sostanza stupefacente, nonché un bilancino e materiale per il confezionamento, il tutto occultato all’interno di uno strumento musicale. Il ragazzo è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I controlli nelle scuole cittadine e non solo continueranno anche nei prossimi giorni proprio nell’ambito di una precisa attività di vigilanza predisposta dal questore per fronteggiare il fenomeno del consumo di sostanze stupefacenti soprattutto tra i giovanissimi.
Un fenomeno che, così come ormai da tempo raccontano le statistiche a livello nazionale, è in costante aumento. I dati, infatti, descrivono in costante aumento l’uso di droghe tra gli adolescenti, con i servizi pubblici e le comunità terapeutiche che non riescono ad intercettare questo fenomeno, sempre più sommerso, delle dipendenze giovanili.
Il mercato degli stupefacenti è cambiato diventando sempre più capillare sul territorio, con costi delle droghe sempre più bassi e dall’inizio dell’epidemia Covid c’è una nuova forma di approvvigionamento, che molto spesso è quella dei siti web.(d.p.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA .