L’AQUILA. È stata la Tiber Roma ad aggiudicarsi la settima edizione del Trofeo degli Angeli “Memorial Fausto Nardecchia”. I capitolini hanno chiuso con tre vittorie su tre e 6 punti in classifica, precedendo i padroni di casa del Nuovo Basket Aquilano a quota 4, il Vienna United Basketball, società austriaca con la quale il club del capoluogo è gemellato, con 2, e infine gli spagnoli del Salliver Fuengirola Malaga, rimasti senza vittorie.
La competizione, ospitata al PalaAngeli, era inserita nel cartellone delle manifestazioni in programma per gli eventi dedicati a “L’Aquila città europea dello sport 2022”, ed era riservata alla categoria Under 19. Buono il successo di pubblico, con tantissimi appassionati che hanno affollato gli spalti nei tre giorni dell’evento, uno dei più importanti in questo periodo a livello giovanile cestistico italiano. La manifestazione ha avuto inoltre tanti momenti di condivisione, non solo sportiva, con i ragazzi austriaci e spagnoli che hanno avuto modo di apprezzare la città dell’Aquila, esportandone così il nome a Vienna e a Malaga.
Il trofeo era dedicato alla memoria di Davide Cinque, Matteo Cinque ed Ezio Pace, scomparsi la notte del terremoto e che da piccoli avevano indossato la canotta della scuola minibasket L’Aquila, oltre che al dirigente sportivo Fausto Nardecchia. In occasione della cerimonia di premiazione sono intervenuti Francesco Bizzarri, presidente del Comitato esecutivo di “L’Aquila città europea dello sport 2022”, e Massimo Cinque, che ha tratteggiato un particolare e commovente ricordo dei figli Davide e Matteo, ricordando l’importanza dello sport quale fenomeno aggregativo per i giovani.(a.r.)