LANCIANO. «La chiusura al traffico di via Martiri 6 ottobre davanti alla media Mazzini per l’ingresso e l’uscita in sicurezza degli alunni avrà orario ridotto: dalle 7.50 alle 8.20 e dalle 12.50 alle 13.20». È la decisione presa dal Comune al termine dell’incontro tra la dirigente scolastica Mirella Spinelli, l’insegnante referente della scuola Gabriella Schips, i rappresentanti del comitato Pedibus e dell’Associazione Mille Alberi di Lanciano, l’assessore all’istruzione Angelo Palmieri e alla mobilità e traffico Paolo Bomba e il comandante della polizia municipale Guglielmo Levante per trovare una risposta alle proteste sollevate dall’istituzione della strada scolastica in quel tratto della trafficata via.
Le strade scolastiche chieste dal comitato Pedibus hanno trovato applicazione in via sperimentale davanti alle scuole elementari Principe di Piemonte ed Eroi Ottobrini, della media Mazzini e del comprensivo D’Annunzio a Santa Rita. In queste vie scatta il divieto di transito e di sosta dalle 7.40 alle 8.40 e dalle 12.40 alle 13.40, per far entrare e uscire gli alunni in sicurezza, ma grandi proteste sono giunte per il tratto di via Martiri. «Abbiamo avuto proteste dei condomini con raccolta firme per togliere i divieti», spiega l’assessore Palmieri, «perché ingabbiati, con persone che non potevano uscire per andare al lavoro. Così, per ridurre i disagi, abbiamo deciso di ridurre la chiusura della via da un’ora a mezz’ora: dalle 7.50 alle 8.20 e dalle 12.50 alle 13.20».
Ma le proteste arrivano anche per il traffico caotico spostato di qualche metro più su. Si crea infatti una colonna di auto in sosta dalla transenna fino all’incrocio con via Fagiani, su quella che è la corsia di transito delle auto, da parte dai genitori che dovrebbero solo far scendere i figli e spostarsi e invece restano fermi. Chi deve passare rischia un incidente con le auto che giungono da via Trozzi. «Bisogna decongestionare il traffico», dice Bomba, «ma serve la collaborazione di tutti: dei residenti ma soprattutto dei genitori che devono semplicemente lasciare i figli fermandosi nei parcheggi e, se non ci sono, non devono occupare la corsia di marcia. Purtroppo gli agenti in servizio sono solo 4 la mattina e andranno quando è possibile, in via Martiri».
©RIPRODUZIONE RISERVATA