TRASACCO. La comandante della polizia locale di Trasacco è stata assolta dalle accuse di minaccia e violenza privata aggravata con abuso dei poteri. Per il giudice del tribunale di Avezzano, Marianna Minotti, il fatto non sussiste. Il pm o aveva chiesto 6 mesi di reclusione. Concetta Colangelo, conosciuta come Titti, si era ritrovata sotto inchiesta dopo la denuncia di un marocchino residente a Trasacco, verso il quale era stata svolta un’attività di prevenzione per presunti maltrattamenti alla moglie marocchina dopo l’allarme lanciato dal cognato. La polizia locale aveva svolto controlli per verificare la fondatezza della denuncia. L’uomo era stato invitato in ufficio per accertamenti e si sarebbe sentito minacciato, tanto da presentare querela. I fatti risalgono al 2018. In udienza l’avvocato CarloPolce, difensore della comandante, è riuscito a dimostrare l’infondatezza delle accuse e ha poi trasmesso tutti gli atti in procura affinché si proceda per calunnia verso il querelante, che si era costituito parte civile avanzando richiesta di risarcimento danni piuttosto elevata.