PESCARA. Arrivano i soldi per realizzare il Centro di ricerca per le attività marine dell’Università d’Annunzio Chieti-Pescara nell’area strategica dell’ex Cofa, riviera sud, a ridosso del porto turistico e del ponte del mare. Li annuncia con un comunicato il sindaco Carlo Masci. Il progetto prevede anche spazi urbani e piazze, sala conferenze, un parco, laboratori e un polo congressuale nell’area di 32mila metri quadrati dove una volta c’era il mercato ortofrutticolo (Cofa).

Le risorse sono 18 milioni di euro, come annuncia Masci, e hanno ricevuto il via libera  dall”Agenzia per la Coesione Territoriale.


Il progetto del Centro di ricerche marine (foto Comune Pescara)

“E’ una notizia di straordinaria rilevanza per il futuro della città, con la definizione di un progetto che avrà una ricaduta sociale, economica e culturale fondamentale per le prospettive di crescita del capoluogo come moderna realtà europea”, commenta il sindaco che citando direttore dell’Agenzia, Paolo Esposito, aggiunge: “Evidentemente la commissione di valutazione nazionale, nel confronto con le altre realtà italiane, ha colto non soltanto il valore del progetto, ma anche il ruolo fondamentale e il peso sostanziale della città di Pescara, quale centro nevralgico in pieno sviluppo dell’eco-sistema dell’Abruzzo costiero”. 

leggi anche:
Centro di ricerche nell’ex Cofa: i soldi non ci sono, stop al piano  Il rettore dell’università Caputi: «Il finanziamento annunciato dal ministero non è ancora arrivato» Il Pd: «I documenti rivelano che sarà assegnata solo la metà dei 18 milioni richiesti per le opere»

Adesso  inizia la parte più complessa della progettazione esecutiva, del piano operativo di gestione, della realizzazione. Ma sempre Masci sottolinea come la notizia della concessione del finanziamento smentisca categoricamente “alcune notizia infondate e strumentali, di ridimensionamento del progetto e di dimezzamento delle risorse, che solo qualche settimana fa erano state fatte circolare in ambienti di centrosinistra”.

leggi anche:
Ex Cofa, 18 milioni per i lavori: ecco come sarà il centro ricerche  Il presidente del consiglio regionale Sospiri annuncia l’arrivo del finanziamento dal ministero Entro il 19 ottobre la firma del contratto tra università, Regione e Comune. Poi nel 2023 i lavori