PINETO . L’Amp “Torre di Cerrano“ sferza il Comune di Pineto per risolvere il problema della mancanza di posti auto pubblici davanti alla Torre di Cerrano. «La gestione e risoluzione della problematica dei due parcheggi esterni, che sono su terreni privati, non è di nostra competenza diretta», fa sapere il presidente Fabiano Aretusi, «siamo in attesa che il Comune fissi un incontro per informarci circa la decisione presa per affrontare il problema. Sappiamo però che è in itinere un dialogo con i privati per trovare una soluzione, ma non ne conosciamo ancora il contenuto. Attualmente», prosegue Aretusi, «non è consentito proseguire oltre il sottopasso ferroviario con le auto e accedere lungo la pista ciclabile con mezzi motorizzati è però possibile raggiungere facilmente la Torre a piedi con una passeggiata lungo le pinete litoranee di Pineto e Silvi o in bici, percorrendo la ciclovia adriatica che collega i due comuni. È ad ogni modo fondamentale», conclude, «risolvere il problema legato alla sosta delle auto soprattutto per consentire l’accesso alle persone con difficoltà motorie».
Il problema è rilanciato da Fratelli d’Italia. «La carenza di posti auto nella zona parco rappresenta una delle criticità maggiori di Pineto in tema di accoglienza», attacca il coordinatore comunale del partito Pio Ruggiero, «le uniche aree di parcheggio laterali di accesso alla Torre rimangono ancora chiuse da cubi di cemento creando una viabilità caotica, parcheggi selvaggi, inquinamento e disagi per i frequentatori. L’esigenza di creare aree di sosta è noto agli amministratori pinetesi da tempo, tuttavia il progetto per la creazione di piazzole nella zona antistante la Torre è rimasta al palo e ad oggi non è stata individuata alcuna soluzione. Siamo alle porte della stagione estiva e ciò che doveva essere risolto burocraticamente tra Comune e privati, rimane lettera morta. La capacità di un’amministrazione», continua Ruggiero, «si misura dalle opere che lascia alla cittadinanza e dai problemi che riesce a risolvere. La situazione è imbarazzante, la persistente inerzia del Comune esaspera soprattutto chi è in condizione di disabilità e deve girare con la sedia a rotelle. Pineto è una città di mare che vive di turismo e il tema del parcheggio necessita di una soluzione immediata e definitiva».
L’area di accesso alla Torre, specie nel corso dei mesi estivi, è solitamente presa d’assalto da parte dei vacanzieri che pur di frequentare quelle spiagge immerse nella natura parcheggiano le auto sul ciglio della statale adriatica rischiando salate sanzioni. In tutta la zona, inoltre, rimangono rifiuti abbandonati a causa anche della carenza di raccoglitori e bidoni dell’immondizia. (d.f.)