PESCARA. Il Centro funzionale d’Abruzzo della Protezione civile, «tenuto conto del Bollettino Valanghe emesso in data odierna dal Servizio meteomont dell’Arma dei carabinieri», comunica che per l’intera giornata di domani, sabato 21 gennaio, è prevista «criticità elevata – allerta rossa» per rischio valanghe su quattro delle cinque zone di allerta abruzzesi. In particolare la criticità elevata riguarda le aree Gran Sasso Est, Gran Sasso Ovest, Maiella e Parco Nazionale d’Abruzzo, mentre è prevista «criticità moderata – codice arancione» per l’area di rischio Velino-Sirente.

leggi anche:

Abruzzo, neve e gelo: termometro fino a -14 gradi Temperatura più bassa ai Piani di Pezza. Intanto scatta il piano emergenza sulle autostrade A24-A25

Il Centro funzionale invita quindi «i Comuni in cui è prevista criticità, a prestare particolare attenzione alle aree antropizzate interessate da innevamento. Si invitano le autorità locali di protezione civile – si legge nel bollettino – a tenersi costantemente aggiornate, sui Bollettini di Pericolosità valanghe emessi dal Servizio meteomont dell’Arma dei carabinieri e sulle informative emesse dal Centro funzionale d’Abruzzo, e monitorare costantemente il proprio territorio al fine di essere pronti ad affrontare le criticità». Con la criticità elevata, «le valanghe attese possono interessare in modo esteso le aree antropizzate, anche in siti non abitualmente esposti al pericolo valanghe. Si tratta per lo più di eventi di magnitudo elevata o molto elevata, che possono anche superare le massime dimensioni storiche». Il tutto con «grave pericolo per l’incolumità delle persone» e «possibili danni ingenti per i beni colpiti».