L’AQUILA . Sei una donna e vuoi mettere su un’impresa? Hai una start up da far decollare come giovane imprenditrice? Le aziende “in rosa” possono avere accesso ad una vasta gamma di finanziamenti erogati dal Fondo impresa femminile.
Ecco la guida completa ai progetti finanziabili e alle spese ammissibili per la concessione di contributi a fondo perduto. Start up e nuove imprese gestite da donne possono presentare domanda per ricevere fondi statali già da maggio.
COSA FINANZIANO. Gli incentivi del Fondo impresa femminile finanziano programmi di investimento per avvio o sviluppo di aziende femminili, da realizzare in 24 mesi. Oltre a spese per investimento, possono comprendere costo del lavoro e spese per il capitale circolante entro un massimo del 20% del programma o del 25% per le imprese con più di 36 mesi. Il valore del programma di investimento può arrivare a 250mila euro per progetti di avvio di nuove imprese e 400mila euro per progetti di sviluppo di impresa. Non c’è un valore minimo del progetto. Sono ammesse ai benefici le attività nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, servizi, commercio e turismo. Esclusa, invece, la produzione primaria di prodotti agricoli.
Il Fondo prevede due linee di incentivo: finanziamenti per l’avvio di imprese femminili, per libere professioniste e imprese non ancora costituite o costituite da non più di 12 mesi, e incentivi per lo sviluppo o il consolidamento di imprese con più di 12 mesi.
IMPRESE GIOVANI. Per le imprese femminili più giovani, costituite da meno di un anno, gli incentivi previsti sono un contributo a fondo perduto e servizi di assistenza tecnico gestionale per un valore massimo di 5mila euro. Per progetti fino 100mila euro l’agevolazione copre fino all’80% delle spese, tetto che arriva al 90% per donne disoccupate e, in ogni caso, entro la soglia massima di 50mila euro. Per progetti fino 250mila euro l’agevolazione copre il 50% delle spese, fino a un massimo di 125mila euro. Oltre al contributo a fondo perduto è possibile richiedere servizi di assistenza tecnico gestionale per un valore massimo di 5mila euro.
ATTIVE DA OLTRE UN ANNO. Per le imprese attive da più di dodici mesi gli incentivi sono costituiti da un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso zero in 8 anni, a cui si aggiungono servizi di assistenza per un valore massimo di 5mila euro.
Per i progetti che comportano un investimento fino a 400mila euro l’agevolazione copre l’80% delle spese fino ad arrivare ad un massimo di 320mila euro. Non è richiesto un importo minimo per il programma di investimento.
SPESE AMMISSIBILI. Sono ammissibili alle agevolazioni le spese relative a impianti, macchinari e attrezzature funzionali all’attività d’impresa e a servizio esclusivo dell’iniziativa, opere edili nel limite del 30% del programma di spesa agevolabile, strutture mobili e prefabbricati a servizio esclusivo dell’iniziativa, purché amovibili e funzionali al raggiungimento degli obiettivi del programma, acquisizione di brevetti e di programmi informatici e soluzioni tecnologiche funzionali alle esigenze produttive e gestionali, servizi in cloud relative ai processi portanti della gestione aziendale, personale dipendente a tempo indeterminato o determinato dopo la presentazione della domanda e impiegato nella realizzazione dell’iniziativa agevolata.
Ammesse anche spese per esigenze di capitale circolante (20% delle spese ammissibili per la nascita o lo sviluppo di imprese femminili costituite da non più di 36 mesi; 25% delle spese ammissibili e comunque nella misura massima dell’80% della media del circolante degli ultimi tre esercizi alla data della domanda per il rafforzamento delle imprese costituite da più di 36 mesi).
Infine è importante sottolineare che possono essere conteggiate solo le spese sostenute dopo la presentazione della domanda. Investimenti realizzati in data antecedente non sono presi in considerazione. Per la richiesta di incentivo è necessario presentare un business plan che preveda un programma di investimenti, ma non sono richiesti preventivi per poter presentare la domanda di finanziamento.